Editoriali

ISABELLA COSSALTER: DALLE ROTONDE ALLA TV, DALLA TV ALLA “CAREGA”?


vomito_ergo_sum

 

 

“Odio intensamente le discriminazioni razziali,

in ogni loro manifestazione.

Le ho combattute tutta la mia vita,

le continuo a combattere

e lo farò fino alla fine dei miei giorni.”

Nelson Mandela

Abbiamo visto i nuovi video della Isabella Cossalter pubblicati su facebook. Abbiamo visto le sue foto con Borghezio. Sinceramente, non è facile restare calmi, riuscire a mantenere un atteggiamento distaccato, cercare di fare un’analisi su quanto è riuscita a dire, a blaterare senza scadere in volgarità. Ci proviamo, consapevoli di essere attraversati da sensazioni forti al limite dei conati di vomito.

Certo, l’accozzaglia di stupidaggini politiche che è riuscita a raggranellare non meriterebbe un commento se non fosse che le sue parole cariche di odio stanno diventando sempre più pericolose.
Eh sì, perché questo suo continuo tentativo di agitare e indirizzare il malcontento sociale sempre contro i migranti è un atteggiamento irresponsabile e vergognoso. Primo perché scarica su chi sta peggio di noi responsabilità che stanno in alto, secondo perché rischia d’incentivare comportamenti razzisti e xenofobi su cui non c’è molto da scherzare…
Mah, chissà se questo la nostra cara Isabella lo riesce a comprendere, così emozionata dai tanti “mi piace” e così coinvolta nella sua nuova carriera politica in salsa verde padano.

Già, perché la nota “pasionaria” bellunese sembra preparare la sua discesa in campo nel prossimo agone elettorale delle regionali. Chissà se ci sbagliamo, certo è che la sua iscrizione alla Lega Nord nella sezione 3 di Treviso ci fa pensare a una sua probabile candidatura in una circoscrizione “leggermente… più comoda” di quella bellunese… Ma saremo sicuramente noi in cattiva fede…

Sta di fatto, però, che la nostrana che fu “ribelle antisistemica” oggi si è iscritta al partito della casta padana, quel partito che per 20 anni ha fatto da stampella a Berlusconi e per 10 a Galan e che aveva uno “strano” modo, per così dire, di utilizzare i rimborsi elettorali (che sono soldi pubblici… cara Isabella). Un partito che si è fatto Stato e che stato! Un partito che è tra i maggiori responsabili di 20 anni di cancrena berlusconiana.

Ma adesso c’è il nuovo che avanza, c’è il Matteo Le Pen Salvini, c’è da metterci la faccia o più probabilmente il culo su “na carega”… Sono già finiti i tempi del “ribellismo” nelle rotonde… dopo il passaggio in Tv meglio mettere il culo al caldo…

E allora con un sano cinismo opportunista si cavalca il peggio, continuando a mettere gli ultimi contro i penultimi e se serve, per qualche voto in più, si può arrivare persino a cambiar bandiera: dal tricolore dei presidi dei forconi al leon de San Marco degli indipendentisti. Eh la nostra cara Isabella è ambiziosa…

Tanto ambiziosa che forse poco gli interessa comprendere quanta pochezza, quanto schifo, quanto egoismo ci possa essere nel camminare sopra la testa degli ultimi per un pizzico di visibilità in più, per un pizzico di consenso in più, per qualche “mi piace” in più, per qualche misero voto in più.

“Cara” Isabella, non è vero che siamo buonisti, siamo semplicemente dalla parte di chi è sfruttato e dalla parte di chi subisce ingiustizie sociali, che sia bianco, nero o arcobaleno poco importa. Se tu, aldilà di dirlo, fossi anche in grado di vederle le ingiustizie ti accorgeresti di come la società in cui vivi sia sempre più polarizzata, di come la ricchezza sia sempre di più nelle mani di pochi. E’ questo il punto. Solo in Italia i 10 più ricchi guadagnano come 500.000 famiglie. La ricchezza nel mondo c’è, per noi e per tutti: il nodo politico vero è la sua R-E-D-I-S-T-R-I-B-U-Z-I-O-N-E.

Quando capirai questo allora comincerai ad alzare la testa e volgerai il tuo sguardo oltre il tuo misero metro quadro.

#noiNONstiamoconIsabella #noiNONstiamoconlaLega

Restiamo umani

Redazione di Belluno+

P.s. abbiamo visto che citi Nelson Mandela… lascia perdere, non è il caso.

Editoriale scritto in memoria di tutti coloro che hanno lottato e pagato caro il loro impegno politico contro le discriminazioni razziali, gli apartheid, i muri sia mentali che fisici…

Nelson-Mandela_feature


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *