Inchieste

5 commenti on INCHIESTA RICHIEDENTI ASILO A BELLUNO: CONTRO I LUOGHI COMUNI, FACCIAMO CHIAREZZA!

  1. Elena Sasso

    un accordo con i CTP della Provincia sarebbe auspicabile Inserendoli in un contesto di apprendimento già avviato dove possono incontrare persone, parlare , intessere relazioni. I docenti del ctp già insegnano l’italiano ma, nel caso, fosse necessario per forza utilizzare il budget del Consorzio, almeno i docenti selezionati sarebbero affiancati da docenti che già ci lavorano. Per non parlare del riconoscimento formale del percorso.
    Il dott. Slongo dice che non erano pronti per l’accoglienza ma la scuola statale per gli adulti lo è, accoglie centinaia di immigrati ogni anno. Due anni per inserirli nei corsi regolari (15€ all’anno) abbiamo dovuto aspettare 6 mesi, il tempo di avere i documenti di rifugiati.

  2. Marzio Mares

    Il ragazzo che si lamenta di avere dei problemi alla vista e un minore, il quale dovrebbe avere un trattamento differente ( Speciale per minori ) alle altre persone. Sarebbe da denunciare i responsabili, anche perché percepiscono oltre il doppio 80€ al giorno

  3. Pingback: ANNOUNO: LETTERA PUBBLICA A GIULIA INNOCENZI | Belluno Più

  4. Pingback: TERZA PARTE INCHIESTA RICHIEDENTI ASILO: COSA SUCCEDE A CASTION (BL)? | Belluno Più

  5. Pingback: STOP SPECULAZIONE, PRIMA LE PERSONE! | Belluno Più

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *