23rd ott2014

BELLUNO RESPINGE IL RAZZISMO, PER UN TERRITORIO DEMOCRATICO, APERTO E SOLIDALE

by redazione

RAZISMOPRESIDIO_A4colOKWEB

PRESIDIO DI DENUNCIA IN PREFETTURA A BELLUNO

SABATO 1 NOVEMBRE ORE 14:30

#STAYHUMAN

#DOLOMITIANTIRAZZISTE

Da qualche mese anche il territorio Bellunese sta affrontando gli effetti delle migrazioni che dal sud e dall’est del mondo attraversano l’Europa e le sue frontiere, un evento che ha dimostrato la grande solidarietà del nostro territorio ma anche alcune storture nella gestione dei Richiedenti Asilo.

Vi sono alcuni fatti da cui non è possibile prescindere: le migrazioni sono ormai un fenomeno inarrestabile, connaturato alla società globale, in cui tutto si muove continuamente e gli unici a non poterlo fare, almeno in una direzione, sono gli uomini. La povertà e lo sfruttamento dei paesi africani, l’espandersi di fenomeni di fanatismo islamico e antidemocratico come l’ISIS, Boko Haram, le persecuzioni e le violenze nei confronti delle minoranze etniche e religiose, l’annientamento dei popoli armeno e siriano, il caos della Libia post Gheddafi e ciò che in maniera diversa resta delle primavere arabe, ci obbliga ad ampliare il nostro sguardo.

In queste settimane, poi, la resistenza che il popolo curdo porta avanti contro l’Isis, nell’indifferenza della comunità internazionale, proponendo un modello di partecipazione democratica che garantisce totale parità di genere e totale libertà, forza anche il nostro ragionamento ad uscire dalla logica delle “vittime”, pensando agli altri popoli come soggetti, non dati della contabilità di un mondo uniforme.
Questo mentre, nella Fortezza Europa, il quadro legislativo determinato dalla Convenzione di Dublino II, obbligando alla sosta nel paese al quale vengono rilasciate le proprie generalità, impone procedure che impediscono lo spostarsi delle persone verso le loro reali mete, troncando la realizzazione di progetti di vita già organizzati e per cui si è speso molto, anche in termini di denaro.

Questo, nella distanza del territorio che viviamo, e che però di questi fenomeni partecipa, ci impone di ragionare su sistemi di accoglienza che vadano oltre l’emergenza.

L’ospitalità offerta ai continui sbarchi sulle coste siciliane non può essere più gestita, anche a Belluno, con la logica dell’emergenza ed espressa dalle prime convenzioni tra Prefettura e Cooperative. E’ indispensabile adottare un sistema che sappia andare oltre il mero vitto e alloggio e che abbia come prospettiva, non l’assistenzialismo, ma la riconquista della propria autonomia, da parte dei migranti, nell’ottica di una società interculturale. E’ ora di aprire un dibattito pubblico, trasparente e coordinato rispetto all’accoglienza dei migranti a Belluno, perché crediamo che i soldi pubblici debbano essere spesi per trasformare quest’“emergenza” (stiamo parlando di 160 persone su 200 mila) in una prospettiva di reale di sviluppo e inter-azione, ovvero scambio e vita comune, per i cittadini stranieri e i per cittadini della nostra Provincia.

Consci che l’esclusione sociale, l’emarginazione e la xenofobia sono il terreno di lavoro di criminalità organizzata e fanatismi vari, siamo convinti che il nostro territorio possa rispondere a questa sfida in modo positivo e strutturato.

Da qualche tempo, inoltre, assistiamo all’acuirsi nel dibattito pubblico di posizioni sempre più discriminatorie e spesso di vero e proprio stampo xenofobo nei confronti di migranti e dei richiedenti asilo ospitati nel territorio bellunese.
Un dibattito strumentale e semplificato tutto giocato sulla pelle di famiglie e singoli che fuggono da paesi dove la loro incolumità e la semplice prospettiva di una vita dignitosa sono messe a rischio ogni giorno, una situazione che dall’Africa fino alla Siria, ci interroga da vicino sulle responsabilità politiche ed economiche dei “paesi occidentali” rispetto all’instabilità e ai conflitti di quelle aree da cu i queste persone, legittimamente, fuggono.

E mentre uomini e donne continuano a morire in mare, c’è chi preferisce, a scopo puramente propagandistico ed elettorale coltivare vere e proprie campagne d’odio nei confronti di soggetti vulnerabili ed in evidente stato di necessità, una dinamica della “guerra al più povero” che vorrebbe scaricare su queste persone colpe e responsabilità che andrebbero ricercate nel nostro modello di sviluppo.

Noi rifiutiamo queste logiche barbare, perché sappiamo che le politiche economiche e finanziarie che rendono precaria e impoveriscono la nostra vita, sono le stesse che colpiscono i più basilari diritti umani dei migranti.
Questo territorio ha storicamente contribuito in maniera massiva all’emigrazione italiana nel mondo, quando, agli inizi del novecento o nel secondo dopoguerra era dalla locale miseria che si fuggiva.

Viviamo in un periodo di particolare smemoratezza, ed è inquietante, invece, vedere che all’interno di quel meccanismo di banalizzazione e semplificazione delle questioni stiano facendo la loro comparsa gruppi esplicitamente neofascisti come Forza Nuova e Casa Pound, portatori di contenuti e di pratiche razziste, discriminatorie e violente, che nelle nostre comunità non hanno mai trovato alcuno spazio. In un territorio, il bellunese, che ha dato un così importante contributo alla lotta di Liberazione dal nazi-fascismo.

Per questi motivi, per la difesa dei più basilari diritti di cittadinanza e d’inclusione, contro ogni forma di discriminazione, razzismo e fascismo abbiamo deciso di dar vita per sabato 01 novembre alle ore 14.30 ad un presidio in Prefettura a Belluno. Invitiamo tutte le cittadine e i cittadini, la società civile, il mondo associativo, le forze sindacali e politiche democratiche ad aderire a questo appello e a partecipare.

È un modo per chiedere l’apertura di un dibattito pubblico sul sistema nazionale di accoglienza e in particolare sulla sua attuazione nel territorio bellunese, per capire quale può essere il fondamentale apporto all’accoglienza del volontariato e tutte le espressioni della società civile bellunese, perché le migrazioni non vengano più trattate come una questione di pubblica sicurezza, ma come una reale questione di cittadinanza, una cittadinanza plurale, inclusiva ed interculturale, che è l’unica, reale, prospettiva di futuro.

LA COMUNE BELLUNESE

#StayHuman  #DolomitiAntirazziste

Per adesioni: primonovembre2014@libero.it

PRIME ADESIONI:

GRUPPO EMERGENCY BELLUNO, Edda Da Rold, Giacomo Chiesura, Elisa Colle, ANPI PROVINCIALE, Rosa Battisto, Ludovico Bellini, Paola Lucchet, ASSOCIAZIONE ITALIANA PERSONE DOWN SEZ. BELLUNO, Luca Zuccolotto, Pier Luigi Svaluto Moreolo, SPI CGIL, Raffaela D’Attilio, Nanni Dorigo, Reneto Svaluto Moreolo, Marta Fant, ANPI SEZ. BELLUNO, Guido Mattera, Andrea Mario, Loris Rossa, Matteo Scarpa, Marzio Minacori, Benedetto Calderone, FIOM CGIL, Beatrice Bordin, Sergio Giacomazzi, ANPI SINISTRA PIAVE “LA SPASEMA”, Marilena Sartor, Roberto Tacca, Raffaella D’Attilio, CGIL BELLUNO, Fabio Talamini, Roberto Gallina, Luca Dalle Sasse, Francesco Gioli, APS MAGAZZINI PRENSILI, Alessandro Moretto, Sandra D’Incau, BELLUNOPIU’, Mariarosa Zortea, Paola Savaris, Lollo, Alessandra Ballon , Tania Zannin, Valentina Reolon, Lorenzo Bogo, Maurizio Reolon, ROVESCI E DIRITTI, Fistarol Tomas, CASA DEI BENI COMUNI BELLUNO, Valentina Terracciano, Chiara Sacchet, Luca Vettorel, Zuccolotto Sisto, Orfeo Dal Piva, Adriano Zampol, GRUPPO NATURA LENTIAI, D’Auria Maria Elena, Laura Casagrande, Nico Paulon, Mariarosa Larese, FEDERCONSUMATORI BELLUNO, Moira Fiorot, Piergiorgio Svaluto Moreolo, COMITATO BELLUNESE PER L’ALTRA EUROPA CON TSIPRAS, Renato Bressan, RETE DEGLI STUDENTI MEDI DELLA PROVINCIA DI BELLUNO, Alice Cason, Patrizia Valduga, SAMARCANDA SCS ONLUS, Manuel Sacchet, Cristina Muratore, Costa Anna, Amaro Roberto, COORDINAMENTO PROVINCIALE LIBERA BELLUNO, Giulia Citterio, Flavia Monego, COMITATO BELLUNESE ACQUA BENE COMUNE, Gino Sperandio, Guido Beretta, Lucia Michelini, PARTITO DELLA RIFONDAZIONE COMUNISTA DI BELLUNO, Giovanni Cappellari, Paolo Cacciari, Lina Beltrame, Giovanni Perenzin, Luca Valmassoi, ANPI CADORE G. ZANGRANDI, Monica Argenta, Gina Guastadisegni, Valter Bonan, Diego Fontana, Francesco Cecchini, Lorenzo Pradel, Doris Dall’Agnola, Donatella Corrà, Alberto Chiesura, Marco Perale, Marisa Giacon, Ilaria Sperandio, Giorgio Salza, Luciano Cason, NIDIL CGIL BELLUNO, Zenone Sovilla, Patrizia Burigo, ASSOCIAZIONE TRAME E TERRA, Alessandra Buzzo, Giorgia Segato, Dalla Torre Anna Margherita, Stefano Manolli, Alfonso Lentini, APS BLHYSTER, Laura Conigliello, PARTITO COMUNISTA DEI LAVORATORI BELLUNO, Doris Dall’Agnola, GIOVANI DEMOCRATICI DEL FELTRINO, Roberto Solari, Alessandro Del Bianco, Diego Collazuol, FILT CGIL BELLUNO, Francesco De Bon, Alberta Tosi, Paola Tegner, ANPI MARTIRI DI MIRANO, Daniele Masoch, Paola Celentin, Sabina Prade, Lucia Libralato, Andrea Calò, Maria Martinelli, Paolo Benedet, INSIEME SI PUO’, GRUPPO CONSIGLIARE DI FELTRE “CITTADINANZA E PARTECIPAZIONE”, Anna Poletti, Elisabetta Perale, ANIMA YOGA ASD, Cristina De Bortoli,  SINISTRA ECOLOGIA E LIBERTA’ BELLUNO, Andrea Villanova, Maria Signori,  GIOVANI DEMOCRATICI DI BELLUNO, Paolo Slongo, Denis Donadel, Michele Minacori, Luigi Minacori, ASSOCIAZIONE ALBA AZIONE DI GIOIA ONLUS, Francesco Masut, ASSOCIAZIONE ISOIPSE. SINERGIE.STRATEGIE.TERRITORIO, Irene De Pellegrini, Silvia Miscellaneo, Alessandra Cason, Alberto Borin, Chiara Donadel

Trackbacks & Pings

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>